Istruzioni per l'uso

Cosa fa uno Psicologo?

In quanto professionista della “relazione d’aiuto”, la mia attività è finalizzata a migliorare la qualità di vita delle persone che si rivolgono a me, affinché possano trovare, dentro di sé, le risorse e le potenzialità per aiutarsi.

Come esperta di comunicazione e relazione facilito e propongo un percorso di autoconsapevolezza nei miei clienti, aiutandoli a valorizzare punti di forza, consentendogli di recuperare la responsabilità e l’autonomia di prendere in mano la propria vita.
Lo psicologo “Aiuta il cliente ad aiutarsi”. anima-gemella-squareOffre uno spazio protetto di ascolto e riflessione all’interno del quale esplorare emozioni, sentimenti, momenti di vita, transizioni, disagi, difficoltà, etc. così da favorire le capacità di scelta e/o di cambiamento, stimolando la persona a ri-definire il problema, a cambiare prospettiva, a individuare le risorse necessarie per affrontare e gestire la propria esistenza.

Lo psicologo non giudica, né interpreta i comportamenti del proprio cliente, ma fa insieme a lui un percorso di consapevolezza e di collaborazione; accetta la persona, con la sua storia, le sue emozioni, rispettandone appieno la diversità e si adopera per stimolare e migliorare la consapevolezza di sé e delle proprie modalità di relazione, così che egli possa appropriarsi degli strumenti adatti, potenziare le risorse, scegliendo in autonomia “ciò che è meglio per lui”, al fine di rendersi indipendente e funzionare al meglio nel mondo.

Quando consultarlo?

Chiedere consulto a uno Psicologo non significa essere “svitati”, o “diversi”, al contrario, significa “prendersi cura di sé”; migliorando e ristabilendo l’equilibrio e lo stato psicologico si migliora notevolmente la qualità della vita in tutti i suoi aspetti.

Un supporto psicologico può essere utile:

  • per una crisi temporanea;

  • per favorire una crescita interiore personale;

  • per delle esigenze di comprensione e/o di orientamento;

  • per raggiungere una maggiore e migliore consapevolezza di sé, degli altri e delle proprie sfere vitali (familiare, sentimentale, sociale, lavorativa, scolastica);

  • per dipanare e risollevare dinamiche e difficoltà affettive, sociali, familiari, relazionali, scolastiche, lavorative, etc.;

  • per ritrovare la serenità e la felicità;

  • per uscire da situazioni di stallo e/o blocco;

  • per liberarsi da eccesso di ansia, stress, impulsi, pensieri, paure, difficoltà, etc.;

  • per ristabilire equilibrio e giusto livello di umore e di autostima;

  • per rimodulare e migliorare il proprio carattere e la propria personalità;

  • per uscire gradualmente da abusi e dipendenze.

 

Un mutamento o evento nella propria esistenza come ad esempio imagescambiare lavoro, sposarsi, crescere, avere dei figli, superare degli esami, etc., può risultare di difficile elaborazione e superamento. Così come anche un trauma (lutto, incidente, la rottura di una relazione, il declino di un progetto lavorativo, la fine di un’amicizia, etc.) può risultare di difficile “metabolizzazione” psicologica.

In tal caso un supporto psicologico risulta un positivo e benefico aiuto; può essere utile per migliorare e capire la propria parte interna ritrovando un giusto equilibrio in essa e con il mondo esterno. Un aiuto psicologico porta a comprendere, riattivare e rinsaldare le proprie energie, capacità, soluzioni e motivazioni interne, permettendo in tal modo il superamento di blocchi e/o ostacoli psichici.

 

Scegliere lo psicologo “giusto”

tick-ok-sign-26707Una delle difficoltà maggiori, quando si sente il bisogno di chiedere aiuto, è quella di scegliere un professionista che sia in grado di accogliere la nostra richiesta e soddisfarla in modo adeguato. Spesso ci si disinteressa di molti aspetti riguardanti la formazione personale dello Psicologo, allo stesso tempo è necessario tenere in considerazione alcune informazioni di base:

Affidati ad un professionista che “ti piace”: sentirsi a proprio agio e in un clima di fiducia è un elemento essenziale per instaurare una proficua relazione e lavorare insieme per raggiungere gli obiettivi prefissati;

Accertati della corretta formazione dello psicologo e delle sue referenze e competenze: è importante conoscere questi aspetti e l’orientamento teorico di riferimento che lo psicologo utilizza, è diritto e dovere di ogni cliente informarsi sulla persona a cui si stanno affidando. Cercate il suo nome negli Albi professionali e verificate che ria regolarmente abilitato all’esercizio della professione;

Informati su caratteristiche e tipologia del percorso: è necessario assicurarsi di aver compreso le carateristiche del percorso proposto dal professionista (durata, procedure, frequenza, onorario, etc.);

Rispetto delle regole deontologiche: lo psicologo per etica è vincolato al segreto professionale e la tutela della privacy è fondamentale per la riuscita del percorso che si basa proprio sulla fiducia e la possibilità di potersi aprire con una persona che potrò aiutarci senza riferire ad altri processi e contenuti della relazione d’aiuto;

Comfort: la fiducia nell’altro è fondamentale per avviare un rapporto positivo di lavoro. 

 

Il primo colloquio

Il primo incontro è molto importante, rappresenta, infatti, l’inizio di un nuovo rapporto umano in cui è fondamentale potersi trovare a proprio agio, accolti e capiti in un clima di calore, ascolto e disponibilità.

Un primo incontro offre la possibilità di conoscersi, di comprendersi e scegliersi.

Lo psicologo, infatti, oltre ad essere un professionista è anche una persona, un essere umano con una sua individualità e soggettività. Per questo è importante conoscersi e valutare se si viene a creare sintonia ed empatia, elementi essenziali per iniziare un percorso insieme.

Generalmente il primo colloquio porta con sé un insieme di emozioni Colloquio-Psicologico.-Come-agire-nel-Primo-Colloquio-5_300©-M.studio-Fotolia.com_contrastanti; si prova ansia poiché non si ha un’idea chiara di quello che ci aspetta, di quello che diremo o dovremmo dire, a volte può esserci rabbia (ammettere di chiedere aiuto può infastidire), tristezza perché ci si sente vulnerabili, oppure si è felici di poter condividere i propri stati d’animo e le proprie preoccupazioni.
Durante il primo incontro vi verrà chiesto di spiegare qual è la ragione che vi ha portato a chiedere aiuto; lo spazio e il tempo del colloquio permetteranno di verbalizzare bisogni, emozioni, esigenze e richieste seguendo l’idea che:

“Il cliente è il massimo esperto di se stesso”.

E’ la persona stessa a essere esperta del proprio disagio, poiché lo vive sulla pelle e ne sperimenta le conseguenze. E’ necessario dunque che il professionista si predisponga all’ascolto, all’accoglienza e che diventi una guida, attraverso le sue competenze, per costruire con il cliente un percorso verso il BenEssere e il Miglior-Essere.

 

Un po’ di burocrazia

Il professionista è tenuto a farvi firmare una dichiarazione di autorizzazione al trattamento dei dati sia generici sia sensibili e rilasciarne copia previa richiesta, rispettando in questo modo la normativa sulla Privacy.

Un altro obbligo consiste nel rilascio di documentazione fiscale del pagamento (fattura/ricevuta).

Un altro obbligo dello psicologo consiste nel rispetto del Segreto Professionale e di tutte le norme deontologiche descritte nel Codice Deontologico degli Psicologi, pena sanzione disciplinare. Pertanto non può essere veritiera la preoccupazione che le cose raccontate allo psicologo arrivino alle orecchie di amici, parenti e familiari, neppure se il professionista in questione li conosce. Allo stesso modo lo psicologo non può intrattenere relazioni intime (amicali, parentali, sentimentali o sessuali) con il/la cliente, questo per evitare che il suo lavoro sia influenzato da scopi, interessi, emozioni o motivazioni personali.

Scopri la tua essenza!

Think Positive

“Se è la pace che vuoi, cerca di cambiare te stesso, non gli altri. E’ più facile proteggersi i piedi con delle pantofole che ricoprire di tappeti tutta la terra.”

— A. De Mello

#instagood

  • Ambiente accogliente  Ottimo cibo Pillole di Psicologia Venite? Per
  • Paura dello psicologo? Leggi il mio articolo su guidapsicologi Lo
  • Ridere  il linguaggio dellanima P Neruda Ridere coinvolge tutto
  • Vi riconoscete in qualche sintomo? Allora  arrivato il momento
  • Stress RiConoscerlo per affrontarlo Ingresso gratuito su prenotazione Iscriviti qui
  • Sar con te Sar con te con il mio interesse
  • Sii sempre in ogni circostanza e di fronte a tutti
  • Nuove occasioni di BenEssere per voi! A breve un calendario
  • Il silenzio racchiude una storia una comunicazione che va colta
Matrimony.it - Guida al Matrimonio
Matrimonio.com

 

 

 

 

 

Grazie per aver visitato il mio sito!

 

CONTINUA A SCOPRIRE

LE ATTIVITA' E I PERCORSI DI BENESSERE

 

PUOI CONTATTARMI PER INFORMAZIONI

3494444566

manuela.delgusto@gmail.com